6 morti in disordini in SA

Le proteste innescate dall’arresto della scorsa settimana dell’ex presidente sudafricano Jacob Zuma hanno mietuto sei vittime, visto decine di affari saccheggiati e indebolito la valuta, con la polizia che lotta per contenere l’escalation di violenza.

Le rivolte iniziate nella provincia di KwaZulu-Natal, la base di Zuma, si sono estese al centro economico della nazione, Gauteng, durante il fine settimana, chiudendo le attività commerciali e bloccando le reti di trasporto. Le autorità hanno arrestato più di 200 persone e hanno lavorato per disperdere centinaia di manifestanti mentre le imprese nelle due regioni colpite sono state colpite da saccheggi, ha detto la polizia in una nota domenica.

Moneyweb Insider
INSIDERORO

Abbonati per l’accesso completo a tutti i nostri strumenti per i dati di share e unit trust, ai nostri articoli premiati e supporta il giornalismo di qualità nel processo.

La violenza è iniziata con il chiusura di una rotta commerciale chiave nel KwaZulu-Natal orientale del paese dopo che i camion sono stati incendiati venerdì notte. Ciò si è trasformato in un saccheggio di centri commerciali, secondo i media locali. Standard Bank Group Ltd., il più grande istituto di credito africano, ha chiuso le sue filiali nel centro degli affari della nazione di Johannesburg nella provincia di Gauteng, tra le segnalazioni di saccheggi in alcune parti della città.

Il Sudafrica ha affermato che schiererà il suo esercito per aiutare la polizia a reprimere la violenza, tra le peggiori che la nazione abbia visto dalla fine del governo della minoranza bianca nel 1994, mentre il presidente Cyril Ramaphosa ha avvertito che tutti i rivoltosi saranno perseguiti. L’ammonimento non è riuscito a arginare il tumulto iniziato dopo che Zuma si è consegnato alle autorità il 7 luglio. L’ex presidente è stato condannato a 15 mesi di carcere per aver sfidato un ordine del tribunale di testimoniare in un’inchiesta per corruzione. Nega ogni illecito.

La violenza segue anche un’estensione di un blocco che sta danneggiando le imprese e ha derubato molte persone dei mezzi di sussistenza in una nazione con un tasso di disoccupazione del 32,6%.

”Il Sudafrica è rimasto seduto su una polveriera per un po’ di tempo”, ha detto al telefono da Durban Mervyn Abrahams, coordinatore del programma per il Pietermaritzburg Economic Justice Dignity Program. La disoccupazione, l’inflazione e il blocco significano che “la rivolta e il saccheggio sono il modo migliore per molti elementi criminali di approfittare della situazione sotto la bandiera di Free Zuma, che ci credano o meno”, ha affermato.

La Corte Costituzionale ha iniziato una seduta lunedì per ascoltare la richiesta di Zuma per l’annullamento della condanna e della condanna. I portavoce della polizia nel KwaZulu-Natal non hanno risposto alle chiamate.

“Mentre ci sono persone che potrebbero essere ferite e arrabbiate in questo momento, non ci sarà mai alcuna giustificazione per azioni così violente, distruttive e distruttive”, ha detto Ramaphosa in un discorso televisivo domenica. “È motivo di preoccupazione per tutti i sudafricani che alcuni di questi atti di violenza si basino sulla mobilitazione etnica.

Rand si indebolisce

Il rand sudafricano si è indebolito dell’1,6% a 14,45 rand il dollaro alle 12:36 a Johannesburg, il massimo dal 18 giugno quando la violenza si è diffusa.

I residenti nelle città del KwaZulu-Natal hanno riferito di rumori di spari e di incendi nei centri commerciali. Nel frattempo, sono state riaperte parti della strada a pedaggio N3, che collega la città portuale di Durban con la provincia di Gauteng, ma l’accesso all’autostrada M2 a Johannesburg è limitato in alcune aree dopo che la violenza è scoppiata nella città durante la notte.

A Gauteng, che comprende la città di Johannesburg, la polizia sta indagando sulla morte di quattro persone, mentre nel KwaZulu-Natal le autorità stavano indagando sull’uccisione di due persone, secondo una dichiarazione della National Joint Operational and Intelligence Structure.

“A Gauteng gli hotspot si trovano nel centro città di Johannesburg e in parti all’interno e intorno al quartiere centrale degli affari”, ha detto al telefono Xolani Fihla, portavoce del dipartimento di polizia metropolitana di Johannesburg. “Ci sono state segnalazioni di saccheggi a Soweto, sporadici e non concentrati in un’area specifica”.

Anche se le proteste sono esplose, la polizia è stata schierata lungo le strade principali per aiutare a far rispettare le regole sui raduni per contenere la diffusione del coronavirus.

Leggere: La Camera di Durban fa appello a Ramaphosa per schierare SANDF nel KwaZulu-Natal

© 2021 Bloomberg

Lascia un commento