Agevolazioni fiscali per insonorizzazione parete

Insonorizzazione pareteHai acquistato da poco un immobile e pensi di non farcela col tuo budget per renderlo “vivibile? Vuoi ristrutturare la tua casa ma hai paura di spendere troppo? Oppure, vivi in una zona a rischio sismico e vorresti mettere in sicurezza la tua abitazione?

Per tutte queste esigenze e per l’insonorizzazione parete lo Stato può agevolarti fino al 65 % delle spese che hai preventivato.

Finalmente ci si è resi conto che, non solo è importante vivere “al sicuro” ma anche vivere bene, in una casa ben isolata termicamente e acusticamente deve essere un diritto per tutti.

Le modifiche più recenti in ambito di incentivi alle ristrutturazioni edilizie

Per riassumere, ecco quali sono i punti salienti degli ultimi aggiornamenti:

  • detrazione Irpef estesa all’acquisto di immobili già ristrutturati;
  • incentivi per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici a basso consumo;
  • detrazione Irpef prorogata per le spese di ristrutturazione;
  • aumento della detrazione per lavori su immobili in zone sismiche;
  • aumento della ritenuta d’acconto sui bonifici.

A quanto ammontano le detrazioni per un lavoro di ristrutturazione (insonorizzazione parete, isolamento, ecc.)?

Parlando col proprio consulente o con un ente addetto a questo tipo di informazioni, si potrà sapere esattamente se si rientra nel piano degli sgravi fiscali dello Stato. Di solito, rientrare non è difficile, a meno che non si disponga di un reddito annuale molto alto.

Ma vale comunque la pena informarsi, perché si potrebbe arrivare a ricevere un rimborso anche del 50 % dei costi complessivi. In particolare:

  • il 50% delle spese sostenute (attetsate da bonifici) tra il 26 giugno 2012 ed il 31 dicembre 2015, entro una soglia di spesa massima di 96 mila euro per un singolo immobile.
  • fino al 36%, invece, con un limite di 48 mila euro massimo di spese per unità abitativa, a partire da gennaio 2016.

Di che tipo di lavori di ristrutturazione si parla?

I lavori per i quali spetta l’agevolazione fiscale ai contribuenti sono diversi e riguardano per lo più immobili a scopo abitativo.

Si tratta di interventi di manutenzione ordinaria, di manutenzione straordinaria, di risanamento e di restauro conservativo. E si riferiscono a singole unità immobiliari di qualsiasi categoria catastale, anche rurali, purché siano comunque residenziali.

In particolare, la detrazione riguarda i costi sostenuti per mettere in atto interventi di ristrutturazione edilizia volti a migliorare la vivibilità di un ambiente, considerando anche le minori dispersioni energetiche.

Questo è il caso di un’insonorizzazione parete, in cui, oltre a limitare il rumore, si limita anche la dispersione termica.