Banche chiuse, telefoni tagliati mentre le proteste anti-monarchia scuotevano Eswatini

Banche e negozi sono stati costretti a chiudere e i servizi di telefonia mobile sono stati interrotti mentre violente proteste a favore della democrazia hanno spinto l’ultima monarchia assoluta dell’Africa a dichiarare il coprifuoco e inviare soldati in strada.

Shoprite, il rivenditore con sede a Johannesburg, ha chiuso la maggior parte dei suoi negozi a Eswatini, dove le manifestazioni contro il governo di re Mswati III sono state le peggiori degli ultimi anni. I finanziatori, comprese le unità di FirstRand, Nedbank e Standard Bank con sede in Sudafrica, le filiali chiuse e il gruppo MTN, il più grande operatore di telefonia mobile, hanno avvertito che i suoi servizi sono stati tagliati.

Moneyweb Insider
INSIDERORO

Abbonati per l’accesso completo a tutti i nostri strumenti per i dati di condivisione e unità fiduciaria, i nostri articoli pluripremiati e supporta il giornalismo di qualità nel processo.

“Siamo molto preoccupati per i danni dolosi” alla proprietà che si sono verificati durante le proteste, ha detto Shoprite in una dichiarazione inviata giovedì via e-mail. Ha “sconvolto la catena di approvvigionamento alimentare nel paese e mette a rischio il sostentamento, la vita e la sicurezza degli altri”, ha affermato.

La violenza è aumentata questa settimana, spingendo lo stato ad annunciare un coprifuoco dalle 18:00 alle 17:00. La legge marziale è stata dichiarata a livello nazionale, ha detto mercoledì l’ambasciata degli Stati Uniti a Eswatini sul suo sito web. Un portavoce del governo non ha risposto a un’e-mail che chiedeva conferma di ciò.

Il governo del vicino Sudafrica, il cui confine circonda quasi completamente il regno, ha espresso preoccupazione per le notizie di vittime e distruzione di proprietà e ha invitato le forze di sicurezza a esercitare moderazione.

Conosciuto come Swaziland fino al 2018, Eswatini è guidato dal 1986 da Mswati, che controlla il parlamento e nomina i ministri. Il paese senza sbocco sul mare di 1,3 milioni di persone è l’ultima nazione africana che riconosce Taiwan come indipendente e alleata.

All’inizio della settimana, la polizia ha sparato gas lacrimogeni e cannoni ad acqua contro i manifestanti che chiedevano democrazia nel paese che ha bandito i partiti politici dall’inizio degli anni ’70. Il governo ha negato le notizie secondo cui il re era fuggito dal paese.

© 2021 Bloomberg

Lascia un commento