Branson, Virgin Galactic effettuano test chiave per il turismo spaziale

Il tanto atteso volo di prova del miliardario Richard Branson nello spazio, effettuato insieme a cinque dei suoi dipendenti della Virgin Galactic Holdings Inc., rafforza il piano dell’azienda per il debutto dei viaggi turistici il prossimo anno.

L’aereo spaziale VSS Unity si è staccato da un aereo da trasporto in alto sopra il New Mexico e ha raggiunto una velocità di Mach 3 per raggiungere un’altitudine di circa 282 000 piedi, o più di 53 miglia (86 chilometri) sopra la Terra. L’Unity è quindi tornata indietro attraverso un cielo soleggiato ed è atterrata intorno alle 9:38 ora locale di domenica, circa un’ora dopo il decollo.

Moneyweb Insider
INSIDERORO

Abbonati per l’accesso completo a tutti i nostri strumenti per i dati di share e unit trust, ai nostri articoli premiati e supporta il giornalismo di qualità nel processo.

“Benvenuti all’alba di una nuova era spaziale”, ha detto Branson agli ospiti del complesso Spaceport America vicino alla città di Truth or Consequences, New Mexico. In seguito ha detto ai giornalisti: “Una volta ero un bambino con un sogno che cercava fino a le stelle e ora sono un adulto in un’astronave che guarda indietro alla nostra bellissima Terra”.

Il viaggio suborbitale dà il via a un mese fondamentale per il futuro del turismo spaziale, con Branson che cerca di dimostrare le capacità di Virgin Galactic nove giorni prima che il fondatore di Amazon.com Inc. Jeff Bezos preveda di volare su un razzo realizzato da Blue Origin, la sua impresa spaziale. Entrambe le società prevedono attività che si rivolgono a turisti facoltosi disposti a pagare un dollaro superiore per un breve periodo di assenza di gravità e una vista indimenticabile della Terra e del cielo.

Il volo di prova di Virgin Galactic ha dimostrato che tali viaggi, un tempo roba da fantascienza, stanno diventando sempre più realistici. Le azioni hanno guadagnato il 10% nel commercio statunitense pre-mercato, dopo aver raddoppiato il prezzo quest’anno.

Sebbene siano per lo più accessibili solo a un numero ristretto di clienti super ricchi, i viaggi aggiungerebbero una nuova dimensione a una fiorente industria di compagnie spaziali del settore privato con piani per viaggi verso la Stazione Spaziale Internazionale e nuovi avamposti umani.

La Space Exploration Technologies Corp. di Elon Musk sta portando avanti progetti ancora più grandiosi. La compagnia sta già trasportando gli astronauti alla stazione spaziale per conto della National Aeronautics and Space Administration e sta pianificando i propri voli turistici. SpaceX sta anche sviluppando un razzo progettato per raggiungere la luna e Marte, espandendo rapidamente la sua attività di lancio di satelliti e costruendo una rete di satelliti Starlink per fornire servizi Internet in tutto il mondo.

Branson e gli altri membri dell’equipaggio hanno sperimentato alcuni minuti di assenza di gravità mentre l’Unità raggiungeva la sua massima altitudine. L’ingegnere delle operazioni di Virgin Galactic Colin Bennett ha detto che era così impegnato con il lavoro assegnato alla cabina all’inizio del viaggio spaziale che il collega passeggero e dirigente della compagnia Beth Moses ha dovuto ricordargli di guardare fuori dal finestrino.

“Così ho guardato fuori dalla finestra e la vista è semplicemente sbalorditiva”, ha detto. “È molto Zen; è anche molto tranquillo lassù.”

L’aereo spaziale ha resistito bene alla missione di prova e “sembra immacolato”, ha detto Mike Moses, presidente delle missioni spaziali e della sicurezza di Virgin Galactic e che ha avuto la particolarità di avere sia il suo capo che la moglie a bordo della navicella. Ha riconosciuto problemi di trasmissione con il livestream, che si interrompeva e si interrompeva mentre le persone di tutto il mondo guardavano.

“Pensiamo di avere qualche blocco dell’antenna su cui possiamo lavorare, ma questo è l’unico vero problema che stiamo monitorando in questo momento sulla nave”, ha detto. “Ci prenderemo il nostro tempo e faremo tutte le ispezioni dettagliate e poi capiremo quando saremo pronti per ripartire.”

La missione è stata il 22° volo di prova del veicolo spaziale e il primo con un equipaggio numeroso. Virgin Galactic ha soprannominato il volo “Unity 22” ed è stato il primo di due test che la compagnia sta pianificando quest’estate prima di una missione di addestramento degli astronauti con il personale dell’Aeronautica Militare italiana entro la fine dell’anno.

Il lavoro di Branson durante il viaggio è stato quello di valutare l’esperienza del cliente durante il volo e nei vari eventi preparatori che Virgin Galactic prevede per i suoi lanci. Inoltre a bordo:

  • Dave “Mac” Mackay, capo pilota. È tra i primi assunti da Virgin Galactic. È un ex pilota collaudatore della Royal Air Force del Regno Unito e aviatore di Boeing 747 presso la Virgin Atlantic Airways Ltd. sostenuta da Branson. Mackay, cresciuto in un villaggio rurale nel nord della Scozia, è diventato il primo scozzese a volare nello spazio.
  • Michael “Sooch” Masucci, pilota. È un tenente colonnello dell’aeronautica americana in pensione con più di 10.000 ore di esperienza sui jet U-2 e F-16, insieme a dozzine di altri tipi di aerei. È entrato in Virgin nel 2013 e ha volato per la prima volta nello spazio nel 2019.
  • Sirisha Bandla, vicepresidente degli affari del governo di Virgin. Ha testato “l’esperienza del ricercatore” durante il volo con un esperimento vegetale dell’Università della Florida. Nata a Guntur, nella provincia dell’Andhra Pradesh nel sud dell’India, è diventata la seconda donna indo-americana a viaggiare nello spazio.
  • Bennett, un ingegnere della Virgin Galactic. Ha valutato le procedure di cabina durante il volo di prova. Bennett ha lavorato per Virgin Galactic come ingegnere operativo per sei anni in California, secondo la sua pagina LinkedIn. In precedenza, è stato ingegnere alla Virgin Atlantic.
  • Moses, il capo istruttore di astronauti della Virgin. Stava facendo il suo secondo volo spaziale dopo un viaggio nel febbraio 2019. Quel volo ha reso Moses la 571a persona a viaggiare nello spazio, secondo Virgin Galactic. Era il direttore del test domenica e il capo cabina. Moses ha lavorato per la NASA per 24 anni prima di entrare a far parte dell’azienda. È sposata con Mike Moses, responsabile delle missioni spaziali e della sicurezza della compagnia.

Virgin ha volato l’ultima volta il sistema a due imbarcazioni il 22 maggio. La compagnia ha affermato che l’Unity ha funzionato bene dopo più di due mesi di lavoro per ridurre al minimo le interferenze elettromagnetiche che avevano ritardato un test pianificato del febbraio 2021. In un volo nel dicembre 2020, il motore del razzo non si è acceso e la navicella è tornata allo spazioporto.

Il test di maggio è stato il primo volo a motore riuscito della compagnia da febbraio 2019. Dopo il test che ha avuto luogo più di due anni fa, gli ingegneri di volo hanno scoperto danni allo scafo del veicolo spaziale a causa della pressione dell’aria che si era accumulata dopo che i fori di ventilazione erano stati accidentalmente coperti, secondo a “Test Gods”, un libro pubblicato quest’anno dallo scrittore del New Yorker Nicholas Schmidle.

Virgin Galactic prevede di iniziare a lavorare sul suo arretrato di circa 600 clienti confermati all’inizio del 2022. Virgin Galactic ha affermato che riprenderà la vendita dei biglietti dopo i voli di prova dell’estate, con i dirigenti che affermano che le tariffe saranno superiori al prezzo precedente di $ 250.000 a posto .

Le azioni della società sono raddoppiate quest’anno fino a venerdì, portando il valore della società a quasi 12 miliardi di dollari. Branson, che ha fondato Virgin Galactic nel 2004, ha affermato che un’altra ricompensa è stata vedere la Terra dallo spazio.

“Non sarò mai in grado di rendergli giustizia”, ​​ha detto. “È indescrivibilmente bello.”

© 2021 Bloomberg

Lascia un commento