Covid-19: i ristoratori si arrabbiano per i fallimenti di Ters

Quando lunedì 19 luglio sono state riaperte le domande nell’ambito del regime di sgravio temporaneo datore di lavoro-dipendente (Ters) per settori selezionati, i membri della Restaurant Association of South Africa hanno espresso le loro frustrazioni in un incontro digitale con il Fondo di assicurazione per la disoccupazione (UIF).

Sono in corso di accoglimento le domande Ters per il periodo dal 16 marzo 2021 al 25 luglio 2021, con pagamento a partire dal 26 luglio 2021. Ters è aperto ai lavoratori che non hanno potuto lavorare dal 16 marzo 2021 a causa di restrizioni, compresi quelli in il settore della ristorazione.

Moneyweb Insider
INSIDERORO

Abbonati per l’accesso completo a tutti i nostri strumenti per i dati di share e unit trust, ai nostri articoli premiati e supporta il giornalismo di qualità nel processo.

Leggere: Nuova finestra per le applicazioni UIF Ters ora aperta

Questa tornata di pagamenti Ters si discosterà dalle precedenti tornate, in quanto i pagamenti saranno per lo più effettuati direttamente sui conti bancari dei lavoratori e non attraverso i loro datori di lavoro. I datori di lavoro dovranno comunque presentare reclami per conto dei propri dipendenti.

All’incontro virtuale di lunedì, che ha avuto oltre 450 partecipanti, i ristoratori hanno affermato di aver avuto difficoltà con il sistema Ters. Alcuni ristoranti hanno presentato domande in appello, il che significa che non possono presentare domanda per la fase attuale.

Altri affermano che il portale online Ters afferma di aver inviato con successo ma di non aver ricevuto alcun pagamento dall’anno scorso. Molti hanno affermato di aver avuto difficoltà a richiedere i dipendenti immigrati.

Wendy Alberts, portavoce della Restaurant Association, ha dichiarato a GroundUp che alcuni ristoratori stanno ancora aspettando i pagamenti in sospeso di Ters che non sono stati pagati dal blocco iniziale.

Durante l’incontro, il direttore per il supporto provinciale nelle operazioni UIF Allan Ragalavoo ha affermato che il dipartimento ha un arretrato di 320 ricorsi in sospeso e che il motivo principale di questo arretrato è che i proprietari di ristoranti e i loro rappresentanti a volte non forniscono indirizzi e-mail corretti per scopi di comunicazione. Questo suggerimento è stato respinto da Ian Stevens che ha affermato di essere ancora in attesa del pagamento per il suo ricorso approvato per mesi, nonostante avesse gli stessi indirizzi e-mail negli ultimi dieci anni.

Il proprietario del ristorante Syd Catton ha affermato che la sua esperienza con Ters è stata di “triste fallimento”. “Non sono riusciti ad aiutarci a presentare un reclamo e ad essere pagati”, ha detto. “Abbiamo ricevuto e-mail che indicano file non validi. L’ufficio UIF non è stato in grado di consigliare cosa non fosse valido o come risolverlo”.

Catton ha affermato di aver ricevuto innumerevoli e-mail con aggiornamenti confusi sul processo e spesso in contraddizione con il precedente.

Nel frattempo, la proprietaria del ristorante Lee Atkinson ha detto all’incontro che stava lottando per registrare i dipendenti immigrati, poiché il sistema Ters richiede numeri di identità sudafricani e rifiuta i passaporti. “I cittadini stranieri i cui documenti sono scaduti durante il lockdown non ricevono Ters. Le banche stanno accettando la proroga consentita dal governo; tuttavia, l’UIF non li accetta”, ha affermato.

Il 16 luglio, il portavoce del Dipartimento per l’occupazione e il lavoro Makhosonke Buthelezi ha dichiarato a GroundUp: “Quello che abbiamo sperimentato con la maggior parte dei datori di lavoro in questo settore è che la maggior parte dei dipendenti non è dichiarata presso l’UIF e la sfida più grande è che la maggioranza sono cittadini stranieri la cui identificazione fallire la verifica sia con gli Affari Interni che con la SARS. In tali casi, non siamo in grado di pagare. Se, tuttavia, le coordinate bancarie e gli ID sono verificati positivamente, i pagamenti vengono elaborati. È quindi molto importante che i datori di lavoro forniscano dettagli accurati e corretti dei loro datori di lavoro al fondo per evitare ritardi nei pagamenti”.

Buthelezi ha affermato che il dipartimento ha lavorato per rafforzare il sistema. “Con ogni nuova estensione, miglioriamo il sistema per ridurre possibili frodi e garantire che i benefici di Ters vengano pagati alle persone giuste”.

© 2021 GroundUp. Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta Qui.

Lascia un commento