Disordini: il settore delle costruzioni “beneficerà per impostazione predefinita”

Il settore edile sudafricano potrebbe ricevere un impulso a breve termine dalla ricostruzione di infrastrutture, edifici e strutture danneggiate e distrutte durante i disordini e i saccheggi della scorsa settimana, ma le prospettive a lungo termine per il settore sono più incerte.

Leggere:

Sia il SA Forum of Civil Engineering Contractors (Safcec) che Master Builders South Africa (MBSA) ritengono che il settore edile e delle costruzioni potrebbe ricevere una spinta a breve termine, ma hanno anche evidenziato l’interruzione dei progetti esistenti.

Moneyweb Insider
INSIDERORO

Abbonati per l’accesso completo a tutti i nostri strumenti per i dati di share e unit trust, ai nostri articoli premiati e supporta il giornalismo di qualità nel processo.

Constructus interrotto

Il direttore esecutivo di MBSA Roy Mnisi ha dichiarato mercoledì che alcuni dei cantieri dei suoi membri hanno dovuto chiudere a causa dei disordini, il che si tradurrà in molte controversie perché queste interruzioni del lavoro significheranno che alcuni progetti non saranno completati in tempo.

Mnisi ha affermato che ci sono stati anche ritardi nell’arrivo di alcuni materiali per progetti, in particolare materiali importati, a causa della chiusura del porto di Durban.

“Alcuni membri hanno già scritto per informarci sui progetti in cui è stata dichiarata la forza maggiore”, ha detto.

La forza maggiore è una clausola comune nei contratti che sostanzialmente libera entrambe le parti da responsabilità o obblighi quando un evento o una circostanza straordinari al di fuori del loro controllo impedisce a una o entrambe le parti di adempiere ai propri obblighi contrattuali.

“Vedremo alcune di queste questioni andare in tribunale”, ha detto.

Impatto

Il CEO di Safcec Webster Mfebe ha riferito che l’impatto dei disordini sull’industria sarà terribile dato che stava lottando anche prima dei blocchi di Covid-19 e dei disordini.

Leggere: La scala della distruzione

Mfebe ha affermato che gli appaltatori hanno dovuto chiudere i siti per circa una settimana a causa dei disordini per evitare gravi perdite di impianti e attrezzature, mentre sono stati causati danni ad alcuni progetti, in particolare ai progetti della National Road Agency (Sanral) come la N2 e la N3 nel KwaZulu-Natal e la R22 da Hluhluwe al confine con il Mozambico.

Ha detto che in alcuni casi il manto stradale è stato danneggiato dall’incendio di camion, mentre anche alcuni caselli sono stati danneggiati.

Tuttavia, Mfebe ha affermato che Safcec non è stata informata da nessuno dei suoi membri in merito alla dichiarazione di forza maggiore su alcun progetto.

Mfebe ha confermato che il settore delle costruzioni “beneficerà per impostazione predefinita” della ricostruzione e della riparazione di edifici e strutture distrutti e danneggiati.

Danno alla reputazione

L’economista senior di Industry Insight David Metelerkamp ha affermato che, nonostante l’interruzione di alcuni cantieri, questo probabilmente non avrà un impatto enorme sul settore a breve termine.

Metelerkamp ha affermato che la reputazione del Sudafrica è stata danneggiata “in una certa misura” insieme alla fiducia degli investitori, che potenzialmente ha la capacità di danneggiare le prospettive di crescita economica del paese a lungo termine.

ARCHIVIO IN DIRETTA: Ramaphosa afferma che le rivolte erano un attacco pianificato alla democrazia di SA

Ha affermato che la ricostruzione e le riparazioni di edifici e strutture danneggiate forniranno una spinta a breve termine al settore edile e delle costruzioni, ma dubita che l’impatto sarà massiccio.

Passione, spirito

Mnisi ha affermato che MBSA è confortato dal fatto che il programma di sviluppo delle infrastrutture del governo è un piano a lungo termine nonostante i ritardi nell’attuazione.

Mnisi non crede che il piano di sviluppo delle infrastrutture sarà influenzato dai disordini e dai saccheggi, nonostante la brutta immagine che trasmette agli investitori stranieri.

“Questo è nelle nostre mani e dipende da come affrontiamo la crisi. Non dovremmo concentrarci sulla devastazione ma sulla ricostruzione.

“Tutti stanno ricostruendo e questo dovrebbe aumentare la fiducia degli investitori stranieri”, ha affermato Mnisi.

Ha aggiunto che MBSA rimane ottimista sulle prospettive per il settore edile e delle costruzioni e crede che “ci sia spazio per gli investimenti per girare l’angolo” e per essere accelerati.

“Se c’è più della passione e dello spirito che tutti stanno mostrando in termini di ricostruzione dalla devastazione della distruzione della proprietà e del saccheggio, il futuro sembra molto migliore nel settore”, ha detto Mnisi.

Ancora un colpo

Mfebe ha affermato che gli investimenti in infrastrutture sono stati colpiti dai disordini e dai saccheggi a causa dell’impatto sulla fiducia delle imprese nazionali e internazionali nell’economia sudafricana.

Ciò deriva dalla percezione che lo stato di diritto e il mantenimento della legge e dell’ordine stiano fallendo nel paese, ha affermato.

Mfebe ha affermato che i progetti strategici integrati (SIP) del governo ne risentiranno, in particolare se gli appaltatori hanno paura di tornare sul posto, ma ha sottolineato che i SIP sono insufficienti per far uscire l’economia dalla stasi.

“È l’ambiente favorevole creato per i progetti avviati dal settore privato che tireranno fuori questa economia dalla stasi, come l’emissione di permessi e licenze, che non richiedono che il governo spenda un centesimo”, ha affermato.

Mfebe è “cautamente ottimista” sulle prospettive per il settore delle costruzioni, in particolare nel settore delle costruzioni stradali.

“Ad esempio, Sanral ha pianificato circa 415 grandi progetti del valore di poco più di 60 miliardi di rand da aprile di quest’anno fino alla fine di marzo del prossimo anno, di cui 50 miliardi di rand sono progetti di costruzione.

“Quei progetti stanno iniziando a essere lanciati ora e quattro progetti, che costano oltre 2 miliardi di rand, sono nelle fasi finali dell’aggiudicazione mentre parliamo”, ha affermato.

Metelerkamp ha affermato che il settore privato dovrebbe prendere le redini con il governo sui progetti del programma di sviluppo delle infrastrutture e che gli sforzi del governo per coinvolgere il settore privato saranno danneggiati se i disordini hanno eroso la fiducia degli investitori nell’economia.

“Bisogna poi incentivarli [investors] ancora di più.

“Ma è difficile misurare il grado o l’entità che la fiducia degli investitori è stata erosa”, ha detto.

Metelerkamp ha affermato che alcuni aspetti positivi potrebbero emergere dai disordini e dal saccheggio da una prospettiva politica, come l’opportunità per il governo di accelerare le riforme “che potrebbero anche superare gli aspetti negativi a lungo termine”.

Tuttavia, ha affermato che i disordini e il saccheggio faranno deragliare la ripresa a lungo termine del settore, in particolare il settore delle costruzioni, che è più guidato dal settore privato rispetto alle costruzioni civili, se ha danneggiato ampiamente la fiducia degli investitori.

Ascolta l’intervista del partner di Webber Wentzel Michael Straeuli su SAfm Market Update:

Lascia un commento