Il pensionamento anticipato ha un costo enorme

Andare in pensione presto per godersi la vita mentre si è ancora giovani è spesso allettante. Le persone che potrebbero aver perso il lavoro a causa dell’attuale contesto economico potrebbero persino pensare di non cercare un nuovo lavoro.

Come la maggior parte delle tentazioni, tuttavia, il pensionamento anticipato ha un costo. Smettere di lavorare cinque o dieci anni prima dell’età pensionabile normale costa in realtà milioni.

Moneyweb Insider
INSIDERORO

Abbonati per l’accesso completo a tutti i nostri strumenti per i dati di share e unit trust, ai nostri articoli premiati e supporta il giornalismo di qualità nel processo.

I calcoli di Esta Theron, responsabile dello sviluppo aziendale presso Glacier by Sanlam, mostrano che lavorare per altri cinque anni raddoppierebbe quasi il fondo pensione e alla fine quasi raddoppierebbe la pensione mensile.

“Anche se il pensionamento anticipato sembra allettante, i numeri non lo sono. Se sei costretto ad andare in pensione anticipatamente, diciamo all’età di 55 anni, è meglio cercare di guadagnare in qualche modo uno stipendio per almeno altri cinque anni. Andare in pensione già a 55 anni non è la decisione migliore da prendere, dal momento che potresti vivere ancora per altri 30 anni e più a lungo”, afferma Theron.

Leggere: Il pensionamento anticipato è allettante, ma te lo puoi permettere?

Aggiunge che le persone che vogliono optare per il pensionamento anticipato devono assicurarsi di disporre di un capitale sufficiente. “Lavorare e risparmiare altri cinque anni non solo garantirà un reddito maggiore, ma ti manterrà anche economicamente attivo più a lungo, il che ha grandi benefici psicologici”, afferma.

Usa l’esempio di un trentenne che guadagna uno stipendio annuo di 325 000 rand, pari a 27 000 rand al mese. Se investono il 7,5% del loro stipendio nel loro fondo pensione (R2 031,25 al mese), il loro fondo pensione ammonterà a poco meno di R2,7 milioni quando andranno in pensione a 55 anni.

Milioni in meno

Se scelgono di lavorare per altri cinque anni e vanno in pensione a 60 anni, il loro fondo pensione sarà più alto del 70%, a quasi 4,6 milioni di rand.

Solo 60 contributi in più e altri cinque anni di crescita composta aggiungerebbero quasi 1,9 milioni di rand al loro fondo pensione.

Theron opta per un semplice calcolo per portare a casa il suo punto di investimento per altri cinque anni. L’esercizio presuppone un tasso di crescita del 10% annuo e nessun aumento della contribuzione mensile al fondo pensione.

La differenza cinque anni fa
Età quando si inizia a investire 30
Contributo mensile R2 031,25
Tasso di crescita 10%
Totale risparmio previdenziale a 55 anni R2 695 130
Risparmio previdenziale totale a 60 anni R4 591 616
Differenza R1 896 486 (70%)

Fonte: Glacier di Sanlam

Theron osserva che l’ipotesi di un rendimento annuo del 10% è a scopo illustrativo. “L’argomento generale – che l’importo del capitale dei risparmi pensionistici con cui una persona dovrebbe vivere in pensione si riduce andando in pensione anticipatamente – è ancora valido con un tasso di crescita medio del 6,5%”, afferma.

In realtà i tassi di crescita varieranno di anno in anno, e questo influirà sul valore finale del fondo.

Ad esempio, una maggiore crescita durante i primi anni amplierebbe rapidamente il fondo, il che andrà a beneficio dell’investitore a causa del rendimento composto sull’importo maggiore più a lungo.

“Prima è la crescita elevata, meglio è”, afferma Theron.

“Questo è anche il motivo per cui normalmente si raccomanda un rischio elevato e una crescita elevata in anticipo dal punto di vista della pianificazione degli investimenti”.

Mentre Theron ha calcolato lo svantaggio di andare in pensione a 55 anni anziché a 60, le persone di solito vanno in pensione solo a 65 anni. Se una persona lavora fino a 65 anni e continua a contribuire al fondo pensione, l’importo al momento del pensionamento salirebbe a più di R7,7 milioni, sulla base delle stesse ipotesi utilizzate da Theron.

Andare in pensione 10 anni prima dell’età pensionabile normale di 65 anni costerà al pensionato 5 milioni di rand, sulla base delle semplici ipotesi.

Contributi in aumento

Tuttavia, la maggior parte delle persone che contribuiscono a una pensione o a un fondo di previdenza, o investono in una rendita pensionistica, aumenterà i propri contributi ogni anno. La detrazione per un fondo pensione è in molti casi una percentuale fissa dello stipendio di una persona e aumenterebbe all’aumentare del salario.

Nel caso delle rendite pensionistiche, gli investitori sceglieranno un aumento annuale. Questi aumenti annuali dei contributi cambiano drasticamente le somme, così come la differenza tra ciò che c’è nel micio quando va in pensione a 55 anni e a 60.

Aggiungendo un aumento medio dello stipendio del 7% annuo e un aumento del 7% dei contributi alle somme, il fondo pensione aumenterà a oltre 4,6 milioni di rand all’età di 55 anni e a quasi 8,4 milioni di rand a 60 anni. rendimento del 10%.

Lavorare fino a 65 anni può garantire una buona pensione: il fondo pensione raggiungerà i 14,8 milioni di rand al momento della pensione, secondo il calcolatore delle pensioni online di Liberty Life.

Pensione mensile

Un fondo pensione più piccolo all’età della pensione si traduce direttamente in una pensione mensile più bassa. Risparmiando solo il minimo e senza aumentare i contributi, le cifre suggeriscono che un pensionato di 55 anni dovrà apportare enormi cambiamenti al proprio stile di vita.

Theron dice che se il suo pensionato immaginario acquista una rendita vitalizia garantita con i suoi risparmi per la pensione, può aspettarsi un reddito lordo di soli R13 534 al mese rispetto al loro stipendio di R27 000. Dovrebbero tagliare i suoi costi di vita di circa il 50%.

Se avessero lavorato fino a 60 anni, la loro pensione sarebbe stata più di 23 000 rand al mese.

Ma la situazione è molto peggiore di quanto mostrano i calcoli di Theron. Il calcolo della pensione mensile si basa sull’erogazione di una rendita vitalizia garantita di 20 anni ipotizzando una crescita annua del reddito del 5%.

Quindi, andare in pensione a 55 anni darà al pensionato la pensione (bassa) solo fino a 75 anni. Se lavorassero altri cinque anni, avrebbero quasi il doppio del reddito fino a raggiungere gli 80 anni.

Se il pensionato vive fino a 89 anni, sarà in difficoltà in entrambi gli scenari.

L’Associazione per il Risparmio e l’Investimento SA (Asisa) raccomanda livelli massimi di prelievo per i pensionati di diverse età che dovrebbero essere seguiti quando si decide l’ammontare del reddito da prelevare da una rendita vitalizia. Questo per garantire che il loro capitale non si esaurisca troppo rapidamente.

Linee guida per il prelievo massimo

Età 55-59 60-64 65-69 70-74 75-79 80-84 85
Maschio 4-4,3% 4,4-4,8% 4,9-5,5% 5,5-6,2% 6,3-7,2% 7,3-8,6% 8,7%
Femmina 3,5-3,7% 3,8-4,1% 4,2-4,6% 4,7-5,1% 5,2-5,7% 5,8-6,9% 7%

Fonte: Asisa

Che l’Asisa raccomandi alle donne di optare per una percentuale di prelievo più bassa non è sessista: le donne vivono più a lungo degli uomini e il loro denaro deve durare più a lungo.

Asisa raccomanda al nostro pensionato di 55 anni di non prelevare più del 4,3% annuo dalla rendita vitalizia nei primi anni di pensionamento.

Il giovane pensionato di Theron riceverà una pensione di soli R9 657 al mese. Non sono programmati per una pensione spensierata e non avranno soldi per godersi affatto il loro pensionamento anticipato. Con un fondo pensione più grande a 60 anni e seguendo le linee guida dell’Asisa, sarebbero stati meglio con una pensione mensile di R18 364.

Chi lavora fino a 65 anni sta ancora meglio. Possono darsi una pensione di R35 291 al mese se prendono il massimo annuo raccomandato del 5,5% dai loro fondi pensione.

Ascolta l’intervista di Nompu Siziba con Avishal Seeth, capo di Umbrella Solutions presso Sanlam (o leggi la trascrizione Qui):

Lascia un commento