Il picco di profitto rappresenta un pericolo per la stagione degli utili in Europa

È probabile che il dolore scenda rapidamente e duramente per qualsiasi azienda europea che non realizza questa stagione di guadagni.

Almeno, questa è la prima lettura da una manciata di nomi tra quelli che hanno riportato finora.

Moneyweb Insider
INSIDERORO

Abbonati per l’accesso completo a tutti i nostri strumenti di dati di condivisione e di trust unitario, ai nostri articoli pluripremiati e supporta il giornalismo di qualità nel processo.

Giovedì, il rivenditore di moda solo online Asos Plc ha visto quasi un quinto del suo valore di mercato spazzato via in un solo giorno a causa delle vendite più deboli. Anche Just Eat Takeaway.com e Siemens Gamesa Renewable Energy SA sono crollati dopo aver deluso gli investitori la scorsa settimana. Un battito di vendite del produttore britannico di trench Burberry Group Plc venerdì non è stato sufficiente per impressionare gli investitori e le azioni sono scese fino al 5,2%.

Sta sollevando dubbi sul fatto che l’esuberanza rialzista nei mercati abbia raggiunto un punto di svolta. Le azioni sono già ai massimi storici e le aspettative per la crescita degli utili europei sono salite alle stelle di recente, con gli analisti di Goldman Sachs Group Inc. che hanno registrato l’aumento del consenso da marzo come il più grande in due decenni.

“Qualsiasi errore o declassamento della guida sarà probabilmente severamente punito”, ha affermato Julien Lafargue, chief market strategist presso Barclays Private Bank. “Dopo un primo trimestre molto forte, le aspettative sono elevate”.

Ciò potrebbe limitare la reazione del mercato agli utili previsti dalle migliori previsioni, hanno scritto in una nota gli strateghi di Morgan Stanley, tra cui Ross MacDonald. Una situazione simile a quella del primo trimestre potrebbe verificarsi, hanno affermato, in cui la sottoperformance dei titoli che hanno mancato le stime è stata più sostanziale della sovraperformance di quelli che hanno battuto le previsioni, hanno affermato.

In media, 16 società al giorno dal misuratore di riferimento Stoxx Europe 600 riferiranno tra ora e la fine di agosto, secondo le stime di Goldman. In mezzo a quella marea di richieste, gli investitori si fisseranno su indizi sul ritmo di riapertura nel settore dei servizi, nonché sui margini di profitto e sui rendimenti per gli azionisti.

Con la variante delta del Covid-19 che sta spazzando il mondo, c’è nervosismo mentre le restrizioni di blocco vengono annullate. Allo stesso tempo, la provvisoria riapertura attraverso il secondo trimestre significa che i settori incentrati sui servizi come i viaggi e il tempo libero potrebbero vedere confronti anno su anno favorevoli, secondo Cristina Benito, responsabile delle azioni per i portafogli discrezionali di Mapfre AM.

I trader staranno attenti alle bandiere rosse sull’inflazione. Aziende come Siemens Gamesa, che ha emesso un avviso di profitto il 15 luglio a causa delle pressioni sui costi derivanti dal rally dei prezzi dell’acciaio e delle materie prime, stanno subendo un duro colpo.

“Saranno quelle aziende che sono in grado di far fronte a pressioni sui costi più elevate e quelle aziende che stanno vedendo la più forte domanda del mercato finale che se la caveranno meglio”, ha affermato Paul Morgan, un gestore degli investimenti di Barings.

I media e la vendita al dettaglio di generi alimentari sono tra i settori più resistenti a una compressione dei margini, secondo un rapporto di State Street. Secondo Sarah Thirion, responsabile della strategia azionaria di TP ICAP Europe, le aziende esposte a vincoli di offerta di chip potrebbero essere maggiormente colpite dall’aumento dei costi.

“Il settore dell’auto e dei ricambi potrebbe, secondo me, dover abbassare le previsioni per il 2021, alla luce della carenza di semiconduttori”, ha affermato Thirion via e-mail.

Domanda repressa
Anche se c’è molta domanda repressa in tutta l’economia, non è ancora chiaro se la crescita degli ordini si dimostrerà sostenibile, ha affermato Charles Glasse, manager del Waverton European Dividend Growth Fund. I forti risultati per la casa automobilistica Volkswagen AG hanno visto una reazione del mercato limitata, poiché gli investitori hanno ipotizzato che l’aumento della domanda potrebbe non durare, ha affermato.

Sebbene le azioni europee siano vicine al massimo storico, l’aumento dell’8% delle aspettative di utili nell’ultimo trimestre è incoraggiante per alcuni. E le valutazioni per l’indice Stoxx 600 della regione sono scese di circa il 12% da un record.

“Una valutazione elevata non mi ha mai infastidito, se la ‘E’ del P/E può migliorare”, ha affermato Thirion di TP ICAP. “Alcune aziende hanno ripensato alle proprie strutture dei costi e i risparmi ricorrenti possono essere integrati in modo sostenibile”, ha aggiunto.

In un’inversione di tendenza vista lo scorso anno, le aspettative di guadagni stanno ora superando i guadagni di prezzo per le azioni europee.

In definitiva, se le aziende possono o meno essere all’altezza delle previsioni più rosee diventerà evidente nella serie di richieste presentate nelle prossime settimane.

“Le cattive notizie sugli utili non saranno trattate con gentilezza”, ha affermato Hannah Gooch-Peters, analista di investimenti azionari presso Sanlam UK

© 2021 Bloomberg LP

Lascia un commento