Il Rand scende di oltre l’1% – Moneyweb

Il rand sudafricano è crollato lunedì quando sono scoppiate le violenze dopo l’incarcerazione dell’ex presidente Jacob Zuma, mentre la maggior parte delle azioni e delle valute dei mercati emergenti sembrava essersi stabilizzata dopo le perdite della scorsa settimana.

Il rand è sceso di oltre l’1% a un minimo di 14,36 rand per dollaro, causando perdite nelle valute dei mercati emergenti. La violenza per i 15 mesi di detenzione di Zuma si è diffusa a Johannesburg durante il fine settimana, causando danni alla proprietà e chiusura delle strade.

Moneyweb Insider
INSIDERORO

Abbonati per l’accesso completo a tutti i nostri strumenti di dati di condivisione e di trust unitario, ai nostri articoli premiati e supporta il giornalismo di qualità nel processo.

Zuma, che è stato condannato per aver sfidato un ordine del tribunale di collaborare con un’inchiesta sulla corruzione durante il suo mandato, è pronto a contestarlo durante un’udienza lunedì.

Le azioni sudafricane sono scese dello 0,6%. Il rand è ancora la valuta dei mercati emergenti più performante quest’anno, scambiata di oltre il 2% in più.

Il Sudafrica ha esteso le rigide restrizioni Covid-19 di altri 14 giorni mentre è alle prese con una terza ondata dannosa di infezioni da Covid-19, in particolare della variante Delta più contagiosa. La mossa potrebbe sconvolgere una ripresa economica altrimenti stabile nel paese.

Le più ampie valute dei mercati emergenti sono state scambiate stabili dopo aver registrato perdite la scorsa settimana. L’indice delle valute MSCI è aumentato dello 0,1%, recuperando dalla perdita dello 0,4% della scorsa settimana.

Ma è probabile che le preoccupazioni sulla rapida diffusione della variante Delta limitino i guadagni questa settimana, con i prossimi dati sull’inflazione negli Stati Uniti che dovrebbero frenare il sentiment.

Gli investitori stanno anche digerendo le implicazioni di un taglio del tasso di riserva obbligatoria (RRR) in Cina dalla scorsa settimana, che secondo gli analisti potrebbe implicare un rallentamento della ripresa economica.

“L’FX EM è stato sottoposto a una grande pressione la scorsa settimana poiché l’ampio sentiment di risk off ha colpito i mercati globali… Il taglio dell’RRR cinese ha aiutato a recuperare il sentimento di rischio venerdì, ma è probabile che questo rimanga di breve durata se la variante delta continua a diffondersi”, gli analisti di Brown I fratelli Harriman hanno scritto in una nota.

Le valute legate alle materie prime hanno ampliato le loro perdite poiché lo spread della variante Delta ha minacciato di pesare sulla domanda.

Il rublo russo ha perso lo 0,6% a causa del calo dei prezzi del petrolio, mentre i prezzi più morbidi dell’oro e dei metalli di base hanno pesato sul rand. Il rublo è rimasto indietro rispetto ai suoi pari in Europa, Medio Oriente e Africa la scorsa settimana, scendendo dell’1,7%.

I titoli dei mercati emergenti hanno recuperato leggermente dalle forti perdite della scorsa settimana, con l’indice delle azioni di MSCI in aumento di circa lo 0,5%.

Lascia un commento