In che modo il rapporto CAPE Shiller ci aiuta a capire lo sconto

SIMONE MARRONE: Sto chattando ora con Schalk Louw del PSG Wealth Old Oak, dove è un gestore di portafoglio. Schalk, apprezzo la mattina presto. Hai pubblicato un tweet durante il fine settimana parlando del rapporto Cape Shiller e di come ci aiuta a capire gli sconti. Suppongo che dovremmo fare un passo indietro, per aiutarci a capire cosa sono Cape e Shiller – e qual è questo rapporto?

SCHALK LOUW: Per prima cosa, buongiorno Simon e buongiorno a tutti gli ascoltatori di MoneywebNOW. Il rapporto del Capo non ha nulla a che fare con il Capo o con il tempo. Cape in realtà sta per Cyclically Adjusted PE Ratio. La metrica è stata sviluppata da Robert Shiller ed era popolare alla fine degli anni novanta, durante l’era della bolla dot-bomb. Discutiamo – e del resto giustamente discutiamo – che le azioni erano estremamente sopravvalutate. Per questo motivo, lo chiamano rapporto Cape o anche Shiller PE, il che significa che è fondamentalmente una variante del normale rapporto PE.

Ora, per gli ascoltatori là fuori, il rapporto PE – che è uno dei rapporti più comunemente usati per scoprire se le azioni stanno andando bene o male – dove fondamentalmente prendono i guadagni di un’azione e, beh, prendono il prezzo delle azioni e dividono che dai guadagni delle azioni.

Naturalmente, non acquisterai una società in buona crescita quando i prezzi delle azioni sono scambiati a un basso rapporto PE. Questo è un problema. Abbiamo visto questo in prima persona nel passato, chiamiamolo 18 mesi, durante periodi come ad esempio ora con il Covid-19, o durante i periodi di recessione, le azioni diminuiranno ma anche gli utili aziendali diminuiranno molto, molto bruscamente e aumenteranno temporaneamente il PE rapporti piuttosto elevati. Dal momento che vogliamo acquistare un rapporto PE quando è basso, questo dà un falso segnale che il mercato è effettivamente costoso. Abbiamo visto questo.

Quindi quello che ha fatto Robert Shiller, ha fondamentalmente progettato un rapporto PE o, come ho detto, il rapporto PE aggiustato per il ciclo, dove prende la media degli utili degli ultimi 10 anni aggiustata per l’inflazione e divisa per il prezzo corrente delle azioni, o il prezzo dell’indice corrente, per dare un’idea di un segnale completo. È una bella, bella [method]. Non devi usarlo solo su un indice; puoi usarlo sui prezzi delle azioni. Ti dà un’idea di un segnale pieno, pieno.

SIMONE MARRONE: Questo è il punto, come dici tu. Ti dà una specie di attraverso il ciclismo, poi l’hai sgranocchiato e lo pubblichi sul tuo account Twitter, che è @SchalkLouw su Twitter. Ce l’avevi lì e hai attraversato un certo numero di paesi. I due che si sono distinti – ovviamente guardiamo prima al nostro locale – e stai confrontando l’attuale rapporto di Shiller Cape con la media di 15 anni. Ci sta dicendo che in realtà il nostro mercato è scambiato a uno sconto rispetto a quella media di 15 anni. Cioè, siamo a buon mercato.

SCHALK LOUW: mm. Siamo uno dei pochi paesi in esecuzione con uno sconto. Molte persone sostengono che ci sia una buona ragione per questo. Conosciamo il ciclo in cui siamo stati. Non cercherò di sostenere il fatto che siamo stati in un ciclo orribile. Ma penso che quando guardiamo specificamente alle risorse …… cura[3:45] rispetto a qualcosa come gli Stati Uniti, e questo è il punto che volevo sottolineare, gli Stati Uniti ora sono molto, molto vicini. In precedenza dicevano: “Oh, guarda i rapporti PE, l’S&P 500 …” [4:02] ora scambiato molto vicino a un rapporto del capo nell’era della bomba a punti, il Sud Africa è scambiato a sconto.

E penso che, quando guardiamo alla volta precedente in cui il nostro ciclo ha effettivamente fatto questa svolta, è… è stato anche l’inizio di un ciclo delle materie prime. Se questo ciclo delle materie prime continua, penso che ci sia un certo valore, in particolare guardando il valore del Cape ratio in Sud Africa.

SIMONE MARRONE: E quel ciclo delle materie prime – non è tanto la sensazione che i prezzi delle materie prime debbano continuare a salire. Sarebbe carino. Se riescono a rimanere a questi livelli, la strada è buona. Abbiamo parlato prima di come ciò avvantaggia non solo i minatori, ma anche la valuta e, naturalmente, il Tesoro nazionale e le entrate fiscali.

SCHALK LOUW: Senza dubbio. Basta guardare i nostri cercatori d’oro. I nostri due maggiori minatori d’oro in Sud Africa, Gold Fields e AngloGold, estraggono il loro oro attualmente al di sotto di $ 100 per oncia fine. Anche se il prezzo dell’oro rimane a chiamiamolo $ 800 – nemmeno, puoi negoziare al di sotto di questo – stanno facendo un sacco di soldi, non solo per le miniere stesse, ma anche per il Sudafrica in questo senso.

Quindi sì, è un buon punto da fare, ma guardando indietro al Cape ratio, penso che cautela quando guardi alle società o ai paesi che negoziano a Cape ratio molto alti, e forse inizi a concentrarti sul Cape ratio, quindi sta cercando più attraente.

SIMONE MARRONE: E gli Stati Uniti sono quelli con un enorme premio. Stiamo entrando nella stagione degli utili e ieri abbiamo chiacchierato con Nick Kunze. Si prevede che questa stagione di guadagni lo metterà fuori gioco. è esigenze per buttarlo fuori dal parco perché quelle valutazioni sono allungate.

Schalk Louw, portfolio manager del PSG Wealth Old Oak, apprezzo il tempo che mi è passato.

Ascolta il podcast completo di MoneywebNOW di martedì Qui.

Lascia un commento