Le autorità SA indagano sulla fuoriuscita di sostanze chimiche costiere a Durban

Le autorità sudafricane nella città portuale di Durban hanno detto sabato che stavano indagando su una fuoriuscita di sostanze chimiche costiere che potrebbe essere stata causata da un incendio in un magazzino durante i disordini di questa settimana.

Sono in fase di indagine anche altre possibili fonti come la causa della fuoriuscita, che sta colpendo la vita marina e degli uccelli, ha detto venerdì il comune di Ethekwini, esortando i residenti locali a non utilizzare le spiagge della zona.

Moneyweb Insider
INSIDERORO

Abbonati per l’accesso completo a tutti i nostri strumenti di dati di condivisione e di trust unitario, ai nostri articoli pluripremiati e supporta il giornalismo di qualità nel processo.

“Sono stati segnalati ampi impatti ambientali nelle lagune e nelle spiagge di Umhlanga e Umdloti nelle vicinanze, che hanno ucciso numerose specie di vita marina e di uccelli”, ha affermato il comune in una nota.

“L’inquinamento è considerato grave e può nuocere alla salute se le specie vengono raccolte e consumate. Deve essere evitato il contatto con la laguna e l’acqua di mare”.

I giornalisti di Reuters hanno visto pesci morti che si erano lavati a terra sabato, mentre una società di pulizia lavorava per assorbire la fuoriuscita.

Il capo degli affari ambientali della provincia di KwaZulu-Natal, Ravi Pillay, ha detto che i campioni d’acqua saranno testati lunedì.

“Vedremo i risultati da lì”, ha detto Pillay a Reuters. “Abbiamo alcune prove di un impatto limitato sulla vita marina. Il nostro team è soddisfatto che non vi sia alcun impatto sulla salute pubblica”.

Il presidente Cyril Ramaphosa ha detto venerdì che i disordini che hanno colpito diverse parti del paese la scorsa settimana si stanno stabilizzando e la calma è stata ripristinata nella maggior parte delle aree colpite.

Le proteste sono scoppiate dopo che l’ex presidente Jacob Zuma è stato incarcerato per non essersi presentato a un’inchiesta sulla corruzione e sono rapidamente degenerate in saccheggi e incendi dolosi che hanno ucciso più di 200 persone e distrutto centinaia di aziende.

Il comune ha anche affermato che alcuni residenti hanno segnalato residui di fumo da prodotti chimici bruciati. Consigliava alle persone di chiudere porte e finestre e di mettere panni bagnati sulle prese d’aria finché il fumo non si fosse dissolto.

Pillay ha affermato che sono in corso test sulla qualità dell’aria.

Lascia un commento