Le nonne dagli occhi acuti combattono il saccheggio e la criminalità

La 72enne era a guardia della sua proprietà, ma stava anche raccogliendo informazioni da condividere con la sua squadra di sorveglianza del quartiere, composta da alcuni pattugliatori maschi e una dozzina di nonne nel quartiere di Bertrams, nel centro della città.

“Avevo paura di uscire, ma ho sentito che c’erano spari provenienti da un negozio vicino e gruppi di uomini che correvano per le strade”, ha detto Evelyne, che ha riferito le sue osservazioni alla sua squadra che ha poi allertato la polizia.

Moneyweb Insider
INSIDERORO

Abbonati per l’accesso completo a tutti i nostri strumenti per i dati di share e unit trust, ai nostri articoli pluripremiati e supporta il giornalismo di qualità nel processo.

“Un uomo ha cercato di saltare oltre il mio muro, ma ho urlato attraverso la finestra ed è scappato via”, ha detto alla Thomson Reuters Foundation Evelyne, il cui nome completo è stato nascosto per proteggere la sua identità.

Sud AfricaLa peggiore violenza degli ultimi anni è scoppiata dopo l’arresto della scorsa settimana dell’ex presidente Jacob Zuma, con i soldati schierati per fermare le folle che saccheggiavano di tutto, dalle lavatrici ai frigoriferi e ai generi alimentari.

I disordini arrivano in un momento di frustrazione con le restrizioni COVID-19, gli scandali di corruzione del governo e la disuguaglianza che persistono 27 anni dopo la fine del governo della minoranza bianca, con la disoccupazione che quest’anno ha raggiunto un nuovo massimo del 32,6%.

Uno dei paesi più diseguali al mondo, il Sud Africa ha visto il suo più alto tasso di omicidi in un decennio nel 2020, con 21.000 omicidi, o 58 al giorno, una cifra cinque volte superiore alla media globale, secondo le statistiche del governo.

I residenti affermano che l’aumento della disoccupazione alimenta l’uso di droghe e la criminalità, poiché più di un anno di blocchi COVID-19 ha innescato importanti perdite di posti di lavoro, in particolare nell’edilizia, nel settore informale e nelle case private.

La squadra di avvistamento della nonna – che generalmente pattuglia dalla sicurezza dei loro patii – è diventata più preziosa che mai, ha affermato Thomas Makama, fondatore del programma di sorveglianza del quartiere.

“Circa due negozi sono stati saccheggiati, ma siamo riusciti a impedire che fino a 10 negozi venissero attaccati perché eravamo all’erta e abbiamo chiamato la polizia per un aiuto urgente”, ha detto Makama, che ha chiamato e visitato le nonne per raccogliere informazioni.

“È un lavoro pericoloso”, ha detto Makama, 61 anni, che non porta mai un’arma e fa affidamento sulle sue capacità personali per interagire con criminali e polizia e dissipare il pericolo.

Occhi extra

Makama ha fondato il Bertrams Residents Movement nel 2015, dopo che la comunità lo ha aiutato a tornare a casa quando è stato sfrattato e costretto a scendere in strada dai “dirottatori” che stavano cercando di impossessarsi illegalmente del sito in cui viveva.

Makama, che lavorava come battilastra e non poteva permettersi l’affitto per la sua famiglia di sei persone, aveva ricevuto il permesso di costruire una baracca sul terreno dai suoi proprietari, che vivevano in Canada.

“La comunità ha capito cosa era successo e ha protestato contro il mio sfratto. Abbiamo ricevuto assistenza legale e alla fine siamo tornati”, ha detto Makama, seduto accanto al suo rifugio in lamiera ondulata. “La comunità mi ha salvato la vita, quindi ora dedico a loro la mia”.

Makama pattuglia le strade di notte a piedi per assicurarsi che i residenti siano al sicuro, mentre le nonne fungono da occhi in più, telefonando rapidamente a Makama se sentono o assistono a un crimine.

I residenti dicono che Makama arriva velocemente a qualsiasi ora per calmare le persone mentre aspettano l’arrivo della polizia.

“Ci vogliono due per combattere il crimine: abbiamo bisogno della comunità coinvolta perché sono lì 24 ore e sanno cosa sta succedendo nel loro ambiente”, ha detto il capitano della polizia di Bertrams Richard Munyai, avvertendo i residenti di non avvicinarsi ai criminali.

“Non devono essere eroi, solo informatori.”

La criminologa Anine Kriegler ha affermato che le nonne sedute sui loro portici e guardando fuori dalle finestre stanno usando un metodo collaudato noto come sorveglianza naturale, che scoraggia i criminali aumentando il numero di occhi su di loro.

“Le nonne hanno svolto un ruolo importante nel prendersi cura dei giovani per la maggior parte della storia umana”, ha affermato Kriegler dell’Università di Cape Town.

Tali strumenti di sorveglianza, che includono anche mantenere gli ingressi ben illuminati e abbattere i cespugli per eliminare i nascondigli, offrono un’alternativa a basso costo al barricarsi dietro alte mura e recinzioni elettriche, ha detto.

“I ricchi si comprano… fortificazioni che danneggiano la sorveglianza naturale”, ha detto. “Non possiamo prenderci cura l’uno dell’altro se viviamo in fortezze.”

Anche se molti Sud Africans hanno perso fiducia nella polizia, con alcuni che ricorrono anche alla vigilanza, le comunità possono lavorare insieme per migliorare la loro sicurezza attraverso i controlli di quartiere, ha detto.

Makama crede fermamente nella prevenzione del crimine non violento, citando come una nonna lo abbia chiamato per impedire a uno spacciatore di picchiare sua figlia. Sul posto è accorsa la polizia che ha arrestato l’uomo che ancora oggi si trova in carcere.

“Ci sono molti problemi, ma facciamo qualcosa per proteggerci l’un l’altro invece di aspettare che le cose migliorino”, ha concordato Evelyne.

Il gruppo, composto da soli 18 volontari regolari, aiuta anche la comunità a rispondere agli sgomberi illegali, a contattare il governo per interruzioni di acqua o elettricità, accompagna i bambini a scuola in sicurezza e gestisce una mensa per i poveri.

“Giochiamo un ruolo importante, anche se lo facciamo gratuitamente, lo facciamo perché ci teniamo”, ha detto Elizabeth, una volontaria di 60 anni.

Incerto se il saccheggio sarebbe continuato con il calare dell’oscurità, Makama si stava preparando per un’altra notte insonne, determinato a restituire ai vicini che lo hanno aiutato nel corso degli anni.

Ha descritto come ha quasi pianto a Natale quando era a corto di cibo e la 72enne Evelyne ha consegnato un carrello pieno di generi alimentari alla sua porta.

“Se ami e proteggi la tua comunità, anche loro ameranno e proteggeranno te”, ha detto.

Lascia un commento