Lo Zimbabwe introduce banconote da 50 dollari Z per alleviare la carenza di contanti

Lo Zimbabwe inizierà a far circolare una nuova banconota da 50 dollari dello Zimbabwe da mercoledì, ha affermato il governatore della banca centrale John Mangudya, mentre le autorità introducono gradualmente tagli più alti in un paese ancora perseguitato dai ricordi di una rovinosa iperinflazione.

Mangudya ha affermato che 360 ​​milioni di dollari dello Zimbabwe (4,2 milioni di dollari) di nuove banconote sarebbero stati iniettati immediatamente nel sistema bancario, rendendo più facile per i cittadini dello Zimbabwe utilizzare contanti nelle transazioni quotidiane. Due delle nuove banconote da 50 dollari Z sarebbero abbastanza per comprare una pagnotta di pane.

Moneyweb Insider
INSIDERORO

Abbonati per l’accesso completo a tutti i nostri strumenti per i dati di condivisione e unità fiduciaria, i nostri articoli premiati e supporta il giornalismo di qualità nel processo.

Lo Zimbabwe ha reintrodotto la propria valuta, il dollaro dello Zimbabwe, nel giugno 2019, ponendo fine a un decennio di dollarizzazione. La mossa ha fatto salire l’inflazione fino all’837,53% a luglio dello scorso anno, facendo rivivere i ricordi dell’iperinflazione che ha spazzato via l’economia nel 2008.

Da allora il governo ha permesso al dollaro USA di circolare accanto all’unità locale e l’inflazione è scesa a circa il 106 percento.

Ma le autorità sono state restie a stampare banconote più grandi per paura di risvegliare i ricordi dei giorni più bui della valuta precedente, quando c’erano banconote in circolazione con un valore nominale di Z$100 trilioni.

La nuova banconota da 50 dollari Z equivale a 0,59 dollari al cambio ufficiale, o circa 0,35 dollari al mercato nero.

Nel maggio dello scorso anno sono state introdotte banconote Z$10 e Z$20, ma sono state erose dall’inflazione. Molti cittadini dello Zimbabwe ora conducono le loro transazioni tramite denaro mobile, carte elettroniche o in dollari USA.

Lascia un commento