Lo Zimbabwe rinvia di un anno i risarcimenti agli agricoltori bianchi

Il ministro delle finanze dello Zimbabwe ha dichiarato martedì che il governo ha rinviato di un anno il pagamento della prima tranche di risarcimento agli agricoltori bianchi che hanno perso la loro terra, a causa dei ritardi nella ricerca di un consulente finanziario e dell’impatto del Covid-19.

L’anno scorso, il governo ha accettato di pagare metà del risarcimento di 3,5 miliardi di dollari entro la fine di questo mese e il resto in cinque anni agli agricoltori la cui terra è stata espropriata dal governo per reinsediare le famiglie nere.

Moneyweb Insider
INSIDERORO

Abbonati per l’accesso completo a tutti i nostri strumenti per i dati di share e unit trust, ai nostri articoli pluripremiati e supporta il giornalismo di qualità nel processo.

Ma Mthuli Ncube ha affermato che ci è voluto più tempo del previsto per nominare consulenti finanziari, che avrebbero aiutato a raccogliere fondi attraverso l’emissione di obbligazioni nazionali ed estere tra le altre opzioni.

“Le parti hanno quindi concordato di estendere il periodo per il primo pagamento dal 31 luglio 2021 al 31 luglio 2022”, ha affermato Ncube in una nota.

Risarcire gli agricoltori è visto come un passo importante per risolvere una delle politiche più controverse dell’era di Robert Mugabe e migliorare i legami con l’Occidente.

Ncube ha affermato che il governo ha stanziato 2 miliardi di dollari dello Zimbabwe (23,5 milioni di dollari) nel bilancio di quest’anno come pagamento di soccorso agli agricoltori in difficoltà.

Lascia un commento