Mauritius riapre le frontiere ai turisti vaccinati dopo 16 mesi

Mauritius, un’economia dipendente dal turismo, riaprirà i suoi confini giovedì ai turisti vaccinati dopo essere stata chiusa per 16 mesi.

La riapertura fa parte di una strategia in due fasi per attirare i turisti nell’economia dell’isola dell’Oceano Indiano, la cui ripresa dipende da un rilancio del settore. Una mossa familiare ad altri paesi dipendenti dai viaggi che affrontano il non invidiabile compito di salvare le industrie turistiche cruciali decimate dalla pandemia, proteggendosi dal rischio che un afflusso di viaggiatori internazionali possa infiammare la diffusione del virus.

Moneyweb Insider
INSIDERORO

Abbonati per l’accesso completo a tutti i nostri strumenti di dati di condivisione e di trust unitario, ai nostri articoli pluripremiati e supporta il giornalismo di qualità nel processo.

Nella prima fase i visitatori inoculati che hanno un risultato negativo del test PCR all’arrivo rimarranno nel loro resort per 14 giorni. Successivamente, a seguito di un altro test, potranno spostarsi nel Paese. Dal 1° ottobre, una volta che il Paese avrà ottenuto l’immunità di gregge, non saranno imposte restrizioni di movimento ai visitatori vaccinati.

“È un’apertura tempestiva”, ha detto Nilen Vencadasmy, presidente dell’Autorità per la promozione del turismo di Mauritius, in un’intervista nella capitale, Port-Louis, martedì. Il governo mira a raggiungere l’immunità di gregge del 60% della popolazione il prima possibile, ha affermato.

A partire da lunedì, il 31,3% della popolazione di circa 1,3 milioni di persone è stato completamente inoculato e il paese dovrebbe raggiungere il 60% prima di settembre, secondo il ministro della Sanità Kailesh Jagutpal.

Dopo un crollo del 99% del numero di visitatori per i sei mesi fino a giugno, il paese prevede di attirare 325.000 turisti nella seconda metà di quest’anno, secondo Statistics Mauritius.

Prima che la pandemia colpisse, fino a 1,4 milioni di turisti all’anno scendevano sulle spiagge incontaminate del paese, rappresentando il 10% del prodotto interno lordo. Il settore è destinato a rimbalzare del 4% nel 2021, rispetto a un anno prima. E si prevede che l’economia crescerà del 5,4% dopo una contrazione del 14,9% nel 2020, la peggiore performance in quattro decenni.

© 2021 Bloomberg LP

Lascia un commento