Possedere beni in un paese straniero

Sempre più sudafricani utilizzano le loro indennità discrezionali annuali di investimento estero per investire all’estero e per acquisire attività in paesi stranieri. La domanda da porsi allora è se sia necessario avere un testamento separato per quei beni. Un testamento è l’ultimo desiderio di una persona relativo ai suoi beni e alle persone a carico.

Molte persone redigono un unico testamento, che include beni in qualsiasi parte del mondo. Tuttavia, questa non è sempre l’opzione migliore in quanto vi sono diverse complessità da considerare come la natura delle attività e il tipo di giurisdizione in cui le attività possono essere possedute.

Moneyweb Insider
INSIDERORO

Abbonati per l’accesso completo a tutti i nostri strumenti per i dati di condivisione e unità fiduciaria, i nostri articoli premiati e supporta il giornalismo di qualità nel processo.

Le opzioni per trattare con asset offshore e sudafricani sono:

  • Redigere un testamento che si applica al patrimonio mondiale, ad esempio includendo i beni sudafricani e internazionali;
  • Bozza di testamenti separati: uno per ogni paese in cui sono posseduti i beni; o
  • Bozza di un testamento relativo ai beni in Sud Africa e uno separato per i beni rimanenti, indipendentemente dalla parte del mondo in cui si trovano.

Per determinare se è necessaria una volontà offshore, si deve considerare il tipo di attività offshore e dove si trova. Un testamento separato è quasi sempre consigliato se l’immobile è di proprietà in un altro paese.

Il Principal of Survivorship può richiedere ad alcuni clienti che possiedono conti bancari o di investimento esteri congiunti. Se il principio è applicabile, a seconda di dove è registrato il conto, in caso di morte di un comproprietario, la quota del defunto non può passare attraverso il suo patrimonio e può passare automaticamente al condominio superstite. Questo principio opera nel Regno Unito, Irlanda, Jersey, Guernsey, Isola di Man e molti altri paesi in tutto il mondo.

Quindi, per esempio, un marito che possiede un conto in banca in Inghilterra con sua moglie, non dovrebbe cercare di fare uno specifico dono nel suo testamento della sua quota nel conto congiunto a qualcuno che non sia sua moglie, poiché ciò potrebbe portare a un controversia.

In alcuni paesi la libertà di testamento non è riconosciuta. Questi paesi hanno leggi sull’eredità che prevalgono sulle intenzioni del defunto: è noto come eredità forzata. Le leggi sull’eredità forzata, che variano da paese a paese, sono prevalenti tra le giurisdizioni di diritto civile, tra cui Mauritius, Svizzera, Spagna, Francia, Giappone e Portogallo, nonché nei paesi che operano secondo la legge della Sharia.

In sostanza, l’eredità forzata è un insieme di norme che limitano la libertà del testatore di distribuire il proprio patrimonio per proteggere determinati eredi, come il coniuge, i figli e/o altri parenti stretti. Nella maggior parte dei paesi in cui si applica questo sistema, una parte dell’eredità è soggetta alle leggi sull’eredità forzata, mentre il resto è lasciato alla discrezione del testatore.

Pertanto, se possiedi beni in un paese con leggi sull’eredità forzata, è meglio avere un testamento separato redatto per i beni in quella giurisdizione. Le regole sull’eredità forzata di ogni paese sono uniche ed è sempre consigliabile consultare un esperto locale in quel paese. Una volta redatto un testamento offshore, il testamento sudafricano dovrebbe quindi essere modificato per includere parole come “Questo testamento riguarda solo i miei beni in Sudafrica”.

Bisogna anche tenere presente che quando viene redatto un nuovo testamento, di solito revoca i testamenti precedenti. Se vengono redatti testamenti offshore, deve essere chiaro che ogni testamento non revoca un altro testamento offshore. È particolarmente importante tenerlo a mente se i testamenti vengono redatti in paesi diversi con l’assistenza di consulenti diversi. Il tuo testamento sudafricano dovrebbe quindi essere modificato per includere una formulazione come “Il presente testamento revoca tutti i testamenti precedenti da me redatti in relazione ai miei beni solo in Sudafrica”.

Avendo un testamento offshore separato, si garantisce anche che la proprietà straniera sia amministrata contemporaneamente alla proprietà sudafricana, il che si traduce in una limitazione dei ritardi nel processo di liquidazione. L’esecutore testamentario sudafricano nominato potrà quindi ottenere una concessione di successione che lo autorizzi a occuparsi della proprietà straniera. Non sarà necessario che l’esecutore ottenga lettere di esecuzione sigillate dal Maestro dell’Alta Corte, poiché ciò è normalmente necessario quando c’è un solo testamento che si occupa del patrimonio mondiale.

Un ultimo punto importante da tenere a mente è la responsabilità fiscale. Ai sensi della sezione 3(2) dell’Estate Duty Act, se risiedi permanentemente in Sudafrica, sarai soggetto all’imposta sulla successione e all’imposta sulle plusvalenze sui beni in tutto il mondo. Resta l’obbligo di segnalare le attività estere ai fini dell’imposta patrimoniale, anche se potrebbe essere stato redatto un testamento offshore. Queste attività estere possono anche essere soggette a imposta di successione, in base alle giurisdizioni in cui si trovano le attività, nota come imposta sul luogo. Bisogna anche essere consapevoli della doppia imposizione. Se il Sudafrica non ha un accordo sulla doppia imposizione con un paese in cui hanno sede le attività estere, il cliente può finire per pagare le tasse in entrambi i paesi.

Nella discussione sulla pianificazione successoria e sulla redazione del testamento, è necessario conoscere i vari atti legislativi per assistere al meglio i nostri clienti. È quindi importante confrontarsi con un professionista nella redazione di un Testamento.

Rehana Cassiem, Specialista fiduciario presso PPS

Si prega di notare che questo articolo non costituisce un consiglio finanziario; le informazioni fornite sono puramente informative. Ai sensi del Financial Advisory and Intermediary Services Act, un FSP non dovrebbe fornire consulenza agli investitori senza un’adeguata analisi dei rischi e un esame approfondito della particolare situazione finanziaria di un cliente. Le informazioni, le opinioni e qualsiasi comunicazione di PPS Insurance, sia essa scritta, orale o implicita, sono espresse in buona fede e non intese come consulenza di investimento, né costituiscono in alcun modo un’offerta o una sollecitazione. PPS è un assicuratore autorizzato e un fornitore di servizi finanziari autorizzato (FSP 1044).

Lascia un commento