Sygnia è “molto ottimista” sui mercati emergenti, in particolare Asia e Cina

Sygnia è in sovrappeso per le attività cinesi e asiatiche emergenti per molte ragioni, ha detto il capo degli investimenti della società, Kyle Hulett, durante un webinar lunedì.

Queste ragioni includono una classe media in crescita, il dominio della regione nella produzione di semiconduttori e la convergenza dei tassi di vaccinazione contro il Covid-19 tra mercati emergenti e sviluppati.

Moneyweb Insider
INSIDERORO

Abbonati per l’accesso completo a tutti i nostri strumenti di dati di condivisione e di trust unitario, ai nostri articoli premiati e supporta il giornalismo di qualità nel processo.

“Pensiamo che i mercati emergenti, che hanno rallentato negli ultimi tre mesi rispetto al resto del mondo, riprenderanno bene”, ha detto Hulett. “Pertanto, rimaniamo sovrappesati alla Cina e ai mercati emergenti nei nostri portafogli globali”.

Nonostante le attività cinesi siano “abbastanza costose”, ha previsto che ci sarebbe stato un flusso costante di denaro in Cina nei prossimi cinque anni poiché i fondi passivi potevano investire di più nel paese.

‘Questa è una tendenza che vuoi anticipare. Vuoi sovrappesare la Cina e i mercati emergenti ora. Penso che sia un ottimo punto di accesso ai mercati emergenti, che sono economici, anche se la Cina non è così economica”, ha affermato Hulett.

Classe media in crescita

‘L’Asia vedrà il più grande aumento della quota globale della classe media nel prossimo decennio. Una classe media in ascesa è molto buona per l’economia. Ecco dove si trova la spesa’, ha detto.

Una classe media asiatica in aumento stimolerebbe la domanda globale.

“Siamo piuttosto entusiasti di questo”, ha detto Hulett.

A breve termine, Sygnia stava anche osservando i tassi di vaccinazione, dove i mercati emergenti erano rimasti indietro rispetto a quelli sviluppati come gli Stati Uniti e l’Europa. Hulett ha affermato che il miglioramento dei tassi di vaccinazione aiuterà i mercati emergenti a riprendersi, a spese del mercato statunitense.

Asia dominante nei semiconduttori

Ha aggiunto che anche il dominio dell’Asia nella produzione di semiconduttori è stato significativo.

“Tutto ciò che è connesso a Internet ha un semiconduttore”, ha detto Hulett. La Corea del Sud ha Samsung, Taiwan ha la Taiwan Semiconductor Manufacturing Company (TSMC) e la Cina ha la Semiconductor Manufacturing International Corporation quotata a Hong Kong.

‘Quindi, l’Asia detiene tutte le principali fonderie di semiconduttori quotate. Questo dà loro il vantaggio. Non solo nella produzione, ma anche nella ricerca e sviluppo.’

Cina

Hulett ha affermato che la Cina ha continuato a crescere, sebbene questa crescita si stia assottigliando.

‘Quindi, mentre sta rallentando, stiamo assistendo a una ripresa dei consumi e dei servizi. Questo è molto positivo per la Cina. La Cina non vuole surriscaldarsi e non vuole dipendere dalle esportazioni. Non vuole dipendere eccessivamente dal resto del mondo. Vuole essere autosufficiente. Ecco perché sta guidando la domanda interna e incoraggiando la crescita attraverso la domanda interna’, ha aggiunto.

‘Questo è molto positivo per la Cina, se ti concentri sui settori giusti. Ecco perché investiamo nei settori della nuova economia cinese ed evitiamo i settori della vecchia economia.

‘Certamente, vogliamo evitare i settori materiali legati alle materie prime all’interno della Cina. La crescita della Cina sta diventando più focalizzata sui consumatori e meno sui materiali e sulle abitazioni, il che porterà a un rallentamento dei prezzi delle materie prime e dei metalli”, ha affermato Hulett.

Lascia un commento